gelato vegano sullo stecco
DOLCI

Gelato sullo stecco alla vaniglia con frutta

29 giugno 2017

Gelato sì o gelato no? Sembra che in vacanza io sia riuscita a portare il maltempo. Il sole va e viene e l’acquazzone è praticamente sempre dietro l’angolo. Dov’è finito il caldo torrido di cui tanto si parlava? Dov’è finito quel caldo appiccicoso che a me tanto piace? Scomparso. Ma cosa vogliamo fare, rinunciare a ghiaccioli, granite e gelati? È pur sempre estate, no?Oggi dopo la corsetta quotidiana mi è venuta voglia di preparare questi gelati sullo stecco, vegani, senza glutine e senza zucchero aggiunto a base di panna vegetale e latte di cocco aromatizzati alla vaniglia. Sono talmente veloci e semplici da preparare che è un peccato non farli. Non serve nemmeno la gelatiera!

Vi occorrono:

  • 150 ml di panna vegetale da montare
  • una lattina di latte di cocco ad alta percentuale di grassi
  • due cucchiai di agave
  • un pizzico di vaniglia
  • frutta per decorare

Unite la panna vegetale e il latte di cocco (per la spiegazione sul latte di cocco vi invito a leggere qui no-bake-muffin).

Aggiungete due cucchiai di agave e un pizzico di vaniglia, a seconda del vostro gusto. Montate fino ad ottenere una crema omogenea. Inserite negli stampi per ghiaccioli in silicone il gelato,livellate, inserite all’interno il bastoncino di legno e docorate con della frutta. Io ho utilizzato ribes dell’orto e pesche. Ho inserito qualche ribes all’interno dei gelati e ho decorato con le pesche tagliate a cuore. Mettete in freeezer a congelare per qualche ora fino a che non si solidificano.

Con questi ingredienti sono riuscita a preparare sei gelati più qualche bocconcino/gelato.

Si conservano in freezer per più giorni e sono ottimi snack sani e gustosi che piaceranno sia a grandi che piccoli.

Altra frutta che posso suggerirvi di utilizzare sono i lamponi oppure i mirtilli che con cocco e vaniglia sono un abbinamento delizioso.

gelato vegano sullo stecco con ribes
gelato vegano sullo stecco con ribes

 

Only registered users can comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *