dolci di Natale
RACCONTI DI ME

Quando il troppo Natale stroppia

12 ottobre 2017

Come dice il detto? Che il troppo stroppia e in questo caso a stroppiare è il Natale. Ieri sono andata alla metro a comprare delle cose e avevano allestito un reparto interno solo con decorazioni di Natale. Carta regalo, decorazioni, tovaglie, bicchieri, piatti, candelabri e tutto ciò che potrebbe ipoteticamente servire durante le feste.Ma non solo. Hanno già preparato anche l’albero di Natale. Ora, io sono una fan sfegatata del Natale ma così è troppo anche per me. Troppo prematuro e rischio che il Natale quest’anno mi vada di traverso. Ho dovuto guardare il calendario per assicurarmi che no, non siamo a dicembre e nemmeno a novembre. Non siamo nemmeno alla metà di ottobre ed è appena finita l’estate a dire il vero.

Ogni anno sempre prima e prima o poi finiremo col ritrovarci panettoni e torroni a ferragosto.

Questa mattina, giusto per essere coerente con le ultime parole dette e cioè “È troppo presto per pensare al Natale”, ho deciso di preparare dei dolci con marzapane che preparo di solito giusto solo durante le festività. Mentre tutti si cimentano in dolci impegnativi tipo panettoni, pandori, torroni cercando di vincere la sfida del pandoro vegano o del panettone senza glutine, senza uova, senza burro e pure senza canditi, io no, io lascio che preparino gli altri e opto per qualcosa di veloce. Per la ricetta, semplicissima e che vi richiederà massimo venti minuti di tempo, vi rimando direttamente qui dolci con marzapane

L’altra sera giusto per restare in tema siamo usciti in un’escursione serale per vedere uno spettacolo di luci e passando davanti ad alcuni bar ho visto che avevano già il Glühwein, un vino caldo servito con amaretto e rum che di solito si trova durante i mercatini di Natale.

Insomma, quest’anno va così. Non esistono più le stagioni. Dopo l’estate che non è mai arrivata ci ritroviamo direttamente a Natale.

Se invece volete leggere qualcosa riguardo al festival delle luci potete cliccare qui

bebelplatz

torre della televisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *